• Turismo religioso

Maggio nei luoghi della fede

La Badia di Ganna e il Sacro Monte di Varese tra le 12 perle di Lombardia Cristiana

Dal 7 al 15 maggio la Badia di San Gemolo a Ganna e il Sacro Monte di Varese vi accolgono con cammini e visite guidate.

I due luoghi sono stati scelte dalle diocesi lombarde tra le 12 perle della Lombardia, luoghi di arte e fede dove si svolgeranno percorsi in cammino e dentro i luoghi.

La Badia di San Gemolo in Ganna è un complesso architettonico formato dalla chiesa (consacrata nel 1160), il campanile, di architettura romanica, il chiostro, la foresteria e le abitazioni dei monaci. E' una delle tappe più significative del percorso della Via Francisca del Lucomagno.
Si trova nel comune di Valganna ed è un luogo di culto dedicato alla memoria di San Gemolo martire: secondo la leggenda egli si recò nel luogo in cui sorge ora l’abbazia per esservi sepolto, portando in mano la propria testa.
Nel chiostro è ospitato il Museo della Badia, che raccoglie materiale eterogeneo a testimonianza della preistoria e della storia dell’area. 

Il Sacro Monte di Varese è un'eccellenza storico-artistica del territorio varesino; nel luglio 2003 è stato riconosciuto dall’UNESCO Patrimonio Mondiale dell’Umanità, insieme ad altri otto siti come paesaggio culturale dei Sacri Monti del Piemonte e della Lombardia.
Da sempre meta di visite e pellegrinaggi, il complesso comprende la Via Sacra, percorso devozionale acciottolato in ascesa, caratterizzato da 14 Cappelle, tutte diverse tra loro e perfettamente inserite nell'ambiente naturale circostante, ciascuna dedicata ad un mistero del rosario rappresentato, all'interno, da gruppi scultorei e affreschi.
Il punto culminante della Via Sacra è rappresentato dal Santuario di Santa Maria del Monte che ospita, sull'altare maggiore, il XV mistero del rosario: l'incoronazione della Madonna.
Il Sacro Monte vanta la presenza di un borgo abitato, che affascina il visitatore attraverso le caratteristiche viuzze ombrose e scalinate ripide, sottopassi rischiarati da lanterne e numerose ville in stile Liberty.
Tre i musei che accolgono il visitatore racontandogli la storia di arte e fede di questa "perla": il Museo Baroffio e del Santuario del Sacro Monte, la Cripta del Santuraio, la Casa Museo Lodovico Pogliaghi.

 


Allegati

SCARICA IL PROGRAMMA COMPLETO DAL 7 AL 15 MAGGIO

Il turismo religioso a Varese custodisce altri luoghi imperdibili: esempi dove la bellezza è il punto di contatto tra le ragioni della fede e quelle del turismo.

La perla del Lago Maggiore, l'Eremo di Santa Caterina del Sasso, fu fondato tra il XII e il XIII secolo da un mercante del luogo, il giovane Alberto Besozzi. Durante una violenta tempesta, vìstosi perduto, invocò l'aiuto di Santa Caterina e si ritrovò su una roccia sporgente dall’acqua, incolume.
Così  scelse di vivere in eremitaggio presso una grotta nella parete rocciosa e, nel 1195, fece costruire una cappella in segno di ringraziamento per la grazia ricevuta dalla Santa. Nel XIV secolo una comunità di monaci Agostiniani giunse ad abitare l’eremo, seguiti dai Romiti Ambrosiani nel 1379 e dai Carmelitani nel 1649. Vari ordini monastici si sono succeduti alla gestione. Attualmente il monastero è retto dalla Fraternità Francescana di Betania.

Castiglione Olona, è un borgo di origine tardoromana, riplasmato tra 1421 e 1441 secondo il modello delle città ideali del Rinascimento, per volere del cardinale Branda Castiglioni, uno degli uomini più insigni della sua epoca, cultore delle arti e grande diplomatico, uomo di fiducia di diversi papi e dell'Imperatore Sigismondo di Ungheria.
Il più importante monumento voluto da Branda è la Collegiata, che sorge sul colle più alto del borgo e che festeggia a partire dal 2022 i 600 anni dalla sua nascita.
Il complesso museale comprende la Chiesa e il Battistero, affrescati da Masolino da Panicale, artista fiorentino tra i più grandi mediatori della straordinaria epoca di passaggio dal Gotico Internazionale al Rinascimento.
Insieme al senese Lorenzo di Pietro detto il Vecchietta e al fiorentino Paolo Schiavo, attivi al suo fianco nell'abside della Collegiata, Masolino ha lasciato a Castiglione il suo capolavoro: il ciclo affrescato del Battistero, con la sua suggestiva mescolanza di paesaggi e architetture, storia religiosa e attualità rinascimentale, amalgamate dalla limpida atmosfera caratteristica di Masolino, rende la cappella, dipinta in ogni centimetro, una delle vette artistiche del primo Rinascimento italiano.

Vedi anche

Badia di Ganna

  • Turismo religioso
Badia di Ganna

Il Sacro Monte di Varese

Patrimonio dell'Umanità UNESCO
  • Arte e Cultura
Il Sacro Monte di Varese

Castiglione Olona

Nel borgo delle sagre, delle feste ma anche dell'arte, della cultura, delle tradizioni
  • Borghi
Castiglione Olona, Borghi Varese

Dello stesso tema

La Via Francisca del Lucomagno

Lungo la Via Francisca del Lucomagno, il medioevo risorge in un Cammino d’altri tempi. Tra montagne e natura incontaminata
  • Turismo religioso
Via Francisca del Lucomagno

Varese: crederai ai tuoi occhi

Capolavori di arte e fede a Varese
  • Turismo religioso
Varese: crederai ai tuoi occhi

Da Saronno a Busto Arsizio

La diciassettesima giornata del Cammino di Sant'Agostino
  • Turismo religioso
da Saronno a Busto Arsizio

Chiese Varese

Dal Sacro Monte di Varese all'Eremo di Santa Caterina del Sasso un percorso spirituale fatto di bellezze artistiche e paesaggistiche
  • Turismo religioso
Chiese Varese, Lombardia da visitare

Maggio nei luoghi della fede

La Badia di Ganna e il Sacro Monte di Varese tra le 12 perle di Lombardia Cristiana
  • Turismo religioso
Lombardia Cristiana

Itinerario Linea Cadorna

Il sentiero della pace. Da cammino difensivo a itinerario naturale
  • Turismo religioso
Itinerario Linea Cadorna